Lush Buffy – Copacabana, Review

Lush Buffy, CopcacabanaQuando si inizia ad entrare nel mondo Lush è sempre la stessa storia: si vorrebbero provare tutti i prodotti! Incuriosiscono, hanno utilizzi diversi, profumi diversi. Presto però ci si rende conto che alcuni non ci soddisfano, altri semplicemente non fanno al nostro caso, mentre altri ancora non li vorremmo abbandonare più. Io ho scoperto il balsamo per il corpo Copacabana e ne sono assolutamente entusiasta!

Accadde ormai più di due mesi fa, mentre mi sfinivo sui libri e online avevano appena rifornito le maschere fresche: nel mio terzo ordine online al sito Lush Italia, chiesi di poter ricevere un pezzetto di questo Copacabana in omaggio, per poterlo provare… non ci contavo più di tanto perchè negli ordini passati le mie richieste di campioni omaggio non sono mai state soddisfatte, invece alla terza volta mi hanno accontentata!

Dopo aver provato il pezzetto che mi hanno mandato ne sono rimasta così soddisfatta che appena esaurito ho acquistato la fullsize, ma proprio full full perchè ho preso la versione da 200 gr, in modo da farmela durare per un po’ e non dover ripassare in bottega (che per me è cosa alquanto scomoda) o fare ulteriori ordini.

Ma di cosa stiamo parlando? Ebbene Copacabana, Buffy per gli amici di Lush UK, è un prodotto solido che rientra nella categoria dei balsami corpo.

Copacabana o Buffy? Come al solito in Italia il suo nome è stato letteralmente stravolto, poichè Buffy deriva dal verbo to buff, ossia in parole povere ammorbidire, lisciare tramite frizione (vi spiegherò tra poco perchè questo nome è letteralmente azzeccato). In Italia invece gli è stato affibiato il nome di Copacabana per ricordare l’ispirazione di questo prodotto, riguardo le donne brasiliane e il loro posteriore: uno dei loro segreti per essere sempre toniche e scolpite è massaggiare i punti critici con scrub e olio solare. Questa è l’unica citazione che vi riporto dalla descrizione del prodotto italiana, su cui non mi esprimo ma che vi invito a leggere qui. Riporto invece la descrizione di Lush Uk, che è un po’ più seria:

Buffs your backside and slays dead skin, leaving you angel soft.

Ground rice, ground almonds and ground aduki beans make Buffy a triple threat to dead skin and lumpy bumpy bits.  They are tough enough to polish away the dead, without being too harsh on your skin. Cocoa butter and shea butter make sure that the skin is left moisturised and dewy soft.  Lavender oil is a great oil for soothing the skin and calming the mind.

Torniamo a noi! Questo balsamo corpo si usa durante la doccia o il bagno, o comunque sulla pelle bagnata e non agisce solo come idratante, grazie al burro di cacao o al burro di karitè, ma anche come scrub poichè contiene al suo interno mandorle, riso e fagioli aduki macinati.

Packaging

Copacabana è un cosiddetto prodotto “nudo”, ossia venduto privo di contenitore o packaging. Viene venduto incartato in una carta velina riciclata, con impresso il logo di Lush (si vede nella foto di copertina del post); è disponibile in due versioni, quella da 90 grammi e quella da 200 grammi: la forma è la solita, a parallelepipedo, cambia solamente l’altezza. In questa immagine, presa dal sito di Lush UK, potete vedere un confronto tra le due versioni:

lush-uk-copacabana
Buffy – Copacabana, Image from Lush.co.uk

Una volta aperto, risulta difficile (e un po’ inutile) reincartarlo tra i vari utilizzi, quindi potete decidere se tenerlo “all’aria” o in una scatola apposta; io ho acquistato il portabalsamo di alluminio riciclato di Lush, al prezzo di 3,95 euro; so che una volta con l’acquisto (in contemporanea) di due prodotti solidi della stessa categoria si riceveva in regalo una di queste scatoline… sinceramente non so se funzioni ancora così, in bottega non mi è stato proposto quindi nel caso fatemi sapere che aggiorno il post. Nelle foto qui ha già diverse settimane di utilizzo, quindi gli angoli si sono un po’ smussati.

I portaoli/portabalsami/portashampoo di Lush sono scatoline in alluminio riciclato, semplici e con impressa la parola Lush sul coperchio. L’alluminio con cui sono fatte è molto, molto leggero (forse perchè riciclato, o forse per l’esiguo spessore) e possono deformarsi facilmente: una delle mie è caduta in terra è si è “bozzata” su uno spigolo; tuttavia sono riuscita a recuperare il danno facendo rientrare la bozza con una leggera pressione (neanche lavorassi carrozzeria, tiè).

Non so se si nota dalla fotografia, ma la versione da 200 gr di questo prodotto è troppo grande per il portabalsamo. Questo è un problema che ho riscontrato anche con gli shampoo solidi: appena acquistati il loro diametro è più grande di quello delle scatole che li dovrebbero contenere. Ma mentre con gli shampoo bastano massimo due utilizzi per poter entrare comodamente nelle loro scatoline apposite, con il formato da 200 gr di Copacabana bisogna aspettare un po’ di più.

Appena acquistato il balsamo era un po’ più grande di come lo vedete ora, e già allora era leggermente più largo della scatola. Adesso che si è un po’ consumato (dopo diversi utilizzi) entra comodamente ma è sempre troppo alto, e il coperchio non arriva a chiudere la scatola! Poco male direte voi, vuol dire che è il prodotto è tanto e dura a lungo! Però se acquistate la versione da 200 grammi magari provate a vedere se a casa avete una scatola, alta più o meno 6 cm, che potete utilizzare per contenerlo, anzi che comprare la sua. Con la versione da 90 grammi invece non dovreste avere problemi, perchè dovrebbe essere dell’altezza giusta da subito (quindi circa 3 cm).

Colore, Texture e Profumo

Il colore è un beige chiaro chiaro, quasi un bianco sporco, e si vedono all’interno gli ingredienti che fanno da scrub, come se fosse puntinato. Il profumo è sempre difficile da descrivere, spesso l’essenza che si sente varia da naso a naso. Come per tutti i prodotti Lush molte lo adorano, molte lo odiano… a me piace particolarmente: non è forte come in molti altri prodotti lush, mi sembra che sappia leggermente di burro di cacao, ma con una nota di lavanda. Sulla pelle comunque è un profumo molto leggero e tende a svanire abbastanza velocemente, quindi in ogni caso non ne morirete asfissiate! Comunque vi consiglio, se avete una bottega a disposizione, di andarlo ad annusare di persona, o di insistere nelle note ai bottegai online per averne un pezzetto campione come ho fatto io (sperando vi accontentino).

Texture! Direi che possiamo parlare di texture anche in un prodotto di questo tipo… anzi forse è pure d’obbligo! Copacabana infatti non è solamente un balsamo corpo ma io lo definirei uno burro corpo + scrub. E’ formato principalemente da burro di cacao e burro di karitè, al cui interno sono contenuti riso, mandorle e fagioli aduki macinati che, mentre il balsamo si scioglie sul corpo, fanno da scrub eliminando le cellule morte e levigando la pelle. Il prodotto mai utilizzato ha una superficie liscia, mentre usandolo diventa alla vista e al tatto più “ruvido”.

Lush Copacabana
Lush Copacabana – Nuovo | Utilizzato

Come scrub io non lo trovo assolutamente pesante. Mi sembra anzi normale, sicuramente più delicato di molti scrub per il corpo che ho provato; l’intensità, quindi la quantità di granelli, comunque varia con la pressione che si fa passando il panetto sulla pelle, ed è estremamente valido, rimuove le cellule morte e la pelle rimane bella liscia. In contemporanea allo scrub il prodotto rilascia i burri per il corpo, che idratano la pelle in profondità e la ammorbidiscono, rendendo anche lo scrub in sè meno ruvido e pesante. Nonostante sia un prodotto che necessiti di un risciacquo per eliminare i granelli, i burri rimangono sulla pelle tanto che si formano delle gocce d’acqua, come se fosse “impermeabilizzata”. La sensazione che lascia è di essere più imburrate che unte, ma si può limitare tamponando la pelle con l’accappatoio e si può tranquillamente evitare la crema per il corpo. Leggendo in giro ho visto che qualche ragazza lo trova troppo pesante e untuoso, a me non sembra e, anzi, la pelle è veramente morbida e una volta asciutta posso vestirmi tranquillamente senza sporcare i vestiti. Non penso possa paragonarsi ad un olio per il corpo. Forse può essere più fastidioso se si ha la pelle del corpo molto grassa… ma a quel punto si dovrebbe cercare proprio un’altra tipologia di prodotto, con altri ingredienti di base.

Utilizzo

Copacabana, o Buffy, si utilizza durante la doccia, il bagno, o comunque quando si ha la pelle umida/bagnata. Questo permette al prodotto di sciogliersi e assorbirsi meglio e allo scrub di essere “meno pesante” sulla pelle. Attenzione però, non va usato direttamente sotto il getto della doccia, perchè altrimenti il panetto si scioglierebbe troppo e consumereste troppo prodotto. Se inizialmente può sembrare troppo duro da passare sulla pelle, può essere utile bagnare solo il lato che si vuole utilizzare con qualche goccia d’acqua, oppure tenerlo vicino alla doccia/vasca prima di utilizzarlo così da farlo ammorbidire. Il panetto da 200 grammi è abbastanza grande da tenere in mano, e può risultare scomodo; anche se mi era stato consigliato di tagliarlo da alcune lushine sulla pagina facebook io ho preferito tenerlo intero, trovandomi comunque bene.

Questo è il medoto che utilizzo io: al termine della doccia spengo il getto dell’acqua, oppure lascio svuotare la vasca se sto facendo il bagno. Poi, dopo aver asciugato le mani, passo il panetto una o due volte sulle parti che voglio scrubbare, in modo che rilasci la quantità di prodotto che voglio (di solito basta una passata ma se è molto asciutto potrebbero volercene due); a quel punto metto via il panetto e inizio a massaggiare con le mani per attivare lo scrub. Si risciaqua poi tutto per eliminare i granelli e via! Se mi sento troppo “imburrata” tampono un po’ di prodotto utilizzando l’accappatoio. Io lo utilizzo una, due volte a settimana, la frequenza poi è soggettiva e dipende dalla tipologia di pelle.

Per conservarlo prima di riporlo nella scatolina lo lascio all’aria, su una griglia del bagno, con il lato bagnato esposto in modo che asciughi per bene.

Utilizzandolo in questo modo si evitano gli sprechi di prodotto e se ne prolunga la vita, per cui un singolo panetto potrebbe durare un mese o più se di 90 gr, ben oltre i due mesi se di 200 grammi. La durata inoltre varia a seconda di dove lo si utilizza: se in aree localizzate o in tutto il corpo. Io lo uso principalmente sulle gambe!

Penso che lo utilizzerò almeno fino a giugno inoltrato, o comunque finchè non inizierò ad andare al mare e quindi ad abbronzarmi, in modo da preparare la pelle e migliorare l’abbronzatura. Poi lo sostituirò ad un altro prodotto, tipo un olio solido (che sto già testando) perchè scrub e abbronzatura poco vanno d’accordo… per riprenderne poi l’utilizzo a settembre!

INCI

Come al solito l’INCI è scritto sul sito internet di Lush Italia, ma ve lo riporto anche qui:

Burro di Cacao (Theobroma cacao), Burro di Karitè (Butyrospermum parkii), Riso Macinato (Oryza sativa), Mandorle Macinate (Prunus dulcis), Fagioli Azuki Macinati (Phaseolus angularis), Profumo (Parfum), Olio Essenziale di Lavanda (Lavandula augustifolia), Olio Essenziale di Limone (Citrus limonum), *Citral, *Limonene, *Linalool.

Come vedete la lista degli ingredienti è decisamente buona e naturale (a parte il profumo) e gli ingredienti in testa alla lista sono proprio quelli che caratterizzano l’azione del prodotto: i due burri e lo scrub. Inoltre è un prodotto Vegano.

So che online esistono diverse ricette per riprodurre questo balsamo corpo, io non mi sono mai avventurata nel mondo dello spignattamento (mi manca giusto quello…) quindi non so valutare se siano ricette per prodotti validi, equivalenti o migliori di Copacabana, ma se qualche volenterosa volesse cimentarsi nell’impresa mi faccia sapere i risultati! Purtroppo ho gettato l’etichetta e non sono sicura della scadenza, ma dovrebbe essere di 12-14 mesi dalla data di produzione.

Conclusioni

Copacabana, o Buffy, è un balsamo corpo solido di Lush che unisce l’azione idratante/ammorbidente dei burri di cacao e di karitè all’azione levigante di uno scrub del tutto naturale: riso, mandorle e fagioli macinati. Si utilizza durante il bagno o la doccia, sulla pelle bagnata, avendo l’accortezza di non esporlo direttamente al getto d’acqua per non sprecarlo a vuoto: si passa sulla pelle e si massaggia poi con le mani; necessita di risciacquo, che elimina i granelli ma non i burri. Il risultato è una pelle liscia e morbida, leggermente “imburrata”, da non aver bisogno della crema corpo.

Il profumo non è per tutte, deve piacere, il profumo dominante secondo me è quello della lavanda. Comunque sia non è intenso come in molti altri prodotti del marchio, sulla pelle rimane molto leggero e svanisce velocemente.

Anche se difficilmente regalerà un fondoschiena tonico come quello delle ragazze brasiliane (per quello non serve un balsamo ma tanta attività fisica) sicuramente aiuta a migliorare la pelle del corpo ed è un prodotto da non sottovalutare.

Viene venduto “nudo”, ossia semplicemente incartato e privo di scatola, in formato da 90 grammi e da 200 grammi. Se già sapete che vi piace, consiglio il formato grande perchè più conveniente. E’ ottimo per il periodo autunno/inverno/primavera, non credo che lo userò in estate per non rovinare l’abbronzatura con lo scrub. Ovviamente, chi non abita vicino al mare e si abbronza poco può tranquillamente usarlo tutto l’anno!

Dove si acquista? In una qualsiasi bottega Lush oppure online sul sito di Lush Italia o Lush UK (o in un qualsiasi sito Lush europeo che spedisce in Italia). Il prezzo italiano è di 8,95 euro per il formato di 90 grammi e di 15,50 euro per il formato da 200 grammi. Il prezzo inglese è più conveniente, poichè è di 5,95 £ (6,80 euro) per il formato da 90gr, e di 10,25 £ (11,80 euro) per il formato da 200gr. In genere i prodotti Lush costano meno sul sito inglese, ma le spese di spedizione ammontano a circa 10 euro, se avete in mente di fare un acquisto consistente (che non includa prodotti freschi) il sito inglese potrebbe farvi comunque risparmiare.

Lo ricomprerei? Sì, e se vi piace il profumo ve lo consiglio vivamente. Forse proverò altri prodotti simili, per test, come Candanto sotto la Pioggia, che dovrebbe essere meno idratante e più esfoliante, quindi non proprio equivalente… vedremo!

E voi? L’avete mai provato?

Ali

Amo il colore, le sue combinazioni e tutto ciò che si può creare: una foto, un'immagine, un oggetto, un make up.

20 thoughts on “Lush Buffy – Copacabana, Review

  1. Misato-san says:

    io no e odiando la lavanda non c’è pericolo che succeda… comunque preferisco il nome italiano perché di Buffy ce ne è una sola e non è un robo per scrubbarsi U_U

    1. Alis says:

      Magari puoi provare Cantanto sotto la Piogga allora :) dicono che sappia di biscottini e burro d’arachiti (ma mi sa che non è così idrantante!) ^_^

      eheheheheh verò c’è sempre quella Buffy!!!

      1. Misato-san says:

        sono allergica alle arachidi. e non contenta ho provato il burro d’arachidi e mi ha fatto schifo XD

        ma comunque io sono l’atipico caso di donna che va anche da Lush ma non sa che comprare perché tra gli inci e i prezzi… difficile che becchi qualcosa che la ispira davvero.

        1. Alis says:

          😛 ma allora te le cerchi proprio eheheheheheheheh

          no scherzi a parte, e prezzi a parte, ora che la mia Lushite si è calmata e che ho provato un po’ di prodottini sto limitando al massimo gli acquisti Lush ai pezzi che veramente mi piacciono (quindi mi limito ad esaurire quelli che ho nel tempo più lungo possibile e a ricomprarli nel caso mi siano piaciuti!).
          Questo mi piace veramente… comunque non tutti ci sentono la lavanda, e devo dire che non piace a tutte come prodotto… quindi magari un’annusatina dagliela 😉

  2. Lidalgirl says:

    Copacabana è uno dei prodotti lush che ai tempi mi piaceva di più e che ricomprai diverse volte.
    Ora come ora preferisco scrub più “tradizionali”, in base tendenzialmente oleosa e più facili da usare sotto la doccia. E li faccio anche d’estate (fa benissimo anche se ti stai abbronzando sai? Rimuovi solo lo strato superficiale dell’abbronzatura e alla fine della fiera ti dura di più: a me è rimasto colore fino a ottobre… E io sono normalmente diafana). 😉

    1. Alis says:

      Per l’abbronzatura “normale” un po’ lo sapevo, infatti volevo usarlo per “preparare” la pelle all’abbronzatura! Ma nonostante stia al mare di solito studio fino a fine luglio e visto che sono assai palliduccia mi ci vuole un po’ per raggiungere un livello di abbronzatura decente… quindi penso che comunque sia lo eviterò :)
      Anche a me rimane fino ad ottobre di solito!

      1. Alis says:

        ah dimenticavo: avendo pure il sottotono rosa devo impegnarmi assai per raggiungere il colore “ambrata” :)

        1. Lidalgirl says:

          Stai parlando con la sorella di casper XD però vabeh, avere il sottotono caldo aiuta, dopo un mese di montagna (e di spf50) sono diventata un NC20 XD

  3. laura palmer says:

    lo voglio!!! *_* ho come la sensazione che sia l’ideale per la pelle ultra secca delle mie gambe.. però magari prima provo il formato da 90 grammi 😉

    1. Alis says:

      :) magari se è proprio secca secca puoi anche associare un olio solido… per nutrire di più! Scioglimi e peache and love sono molto buoni :)

  4. Questo è uno dei prodotti che mi incuriosisce provare però mi chiedo come sia a livello di sensazione/idratazione rispetto a Parole di Burro. Mi era piaciuto molto come idratazione, ma la sensazione un po’ appiccicaticcia/unta post doccia non la trovavo il massimo della praticità. O almeno, non so se facevo male a seguire i consiglio della commessa Lush tipo:”non strofinarti l’accapatoio addosso, asciugati all’aria o tampona appena l’asciugamano”.
    Prima o poi comunque credo che proverò Copacabana 😉
    Per l’abbronzatura comuqnue, quoto anch’io Lidal/Chicca: l’ho imparato solo lo scorso anno ma pare che in effetti un po’ di scrub (ma leggerissimo e davvero blando) sia utile a mantenerla più a lungo e in teoria dovrebbe evitare pure lo spellamento – che immagini meravigliose. Io ho provato solo con l’abbronzatura da autoabbronzante ma in effetti un’esfoliazione (leggerissima però!) una volta alla settimana non l’ho trovata male – ed anch’io da anni non raggiungo più livello di abbronzatura alla Snookie, né col sole né con gli autoabbronzanti 😀

    PS: anche la mia lushite un po’ s’è placata. Stiamo uscendo dal tunnel?

    1. Alis says:

      Parole di Burro non l’ho ancora provato, anche se mi incuriosice! Un po’ dopo la doccia ti rimane sulla pelle ma non ti lascia unta come lo farebbe un olio solido… comunque tamponando con l’asciugamano non dovresti avere ulteriori problemi. Ho visto che comunque la cosa è molto soggettiva quindi bisogna capire qual’è il metodo migliore per ognuna di noi :)!
      Magari prova a fartene dare un pezzetto!
      In effetti lo scrub di copacabana sì può modulare (basta passare il panetto con mano molto leggera), quindi magari una volta alla settimana lo proverò come mantenimento dell’abbronzatura!

      Sì forse stiamo uscendo dal tunnel eheheheheh ma più che altro ho capito cosa mi serve, cosa mi funziona e di cosa invece posso fare a meno tranquillamente!

  5. Beatrice says:

    E’ uno dei miei prodotti LUSH preferiti. Io lo uso apposta in estate (ma bisogna tenerlo in frigo nei giorni più caldi, perchè diventa liquido): è perfetto da usare prima dell’autoabbronzante, perchè lo strato ‘burroso’ che si lascia dietro rende l’applicazione più facile ed uniforme e visto che sono un po’ impedita non rischio di venir fuori a strisce XD In generale però non vado matta per questi scrub cremosi, proprio perchè non mi piace sentirmi appiccicosa dopo la doccia. Preferisco mettere la crema dopo, piuttosto, ed usare qualcosa sul genere di Atollo 11 per esfoliare sotto il getto dell’acqua :)

    1. Alis says:

      ehhh ho paura che il caldo dell’estate sarà tremendo per questi prodotti burrosi…
      l’autoabbronzante non l’ho mai utilizzato (preferisco mettermi in terrazzo o in giardino a studiare! ) quindi penso che, vista la mia impeditaggine, verrei a strisce a prescindere!

      Io ho provato altri scrub non cremosi ma non mi hanno fatto impazzire… anche perchè avendo la pelle un po’ delicata ho sempre paura che siano troppo forti.

  6. Sai che io non so perché ma ero convinta che Copacabana fosse un prodotto per capelli?!
    Comunque mi attira davvero moltissimo, ultimamente sto provando a mettere con costanza almeno la crema per il corpo (che prima non mettevo davvero mai: faccio progressi) quando smaltirò i chili e chili di prodotti per il corpo accumulati negli anni questo lo voglio prendere.

    1. Alis says:

      hmmm forse ti confondi con il Morbidone al Cocco?
      Io lo trovo comodo perchè alla fine la crema corpo la dimentico quasi sempre… così sono sicura che almeno un po’ di idratazione c’è già :)

  7. Giuro che se non lo amassi già perdutamente la tua review (e le tue foto XD) dettagliatissima e ben fatta mi avrebbe fatto uscire di corsa di casa per comprarlo! Quoto parola per parola, lascia la pelle che è uno spettacolo e motivo per cui lo eleggo miglior scrub del mondo è che mi fa saltare lo step crema, cosa che personalmente odio!

    1. Alis says:

      Sono contenta che anche tu la pensi così ^_^ devo dire che è uno dei prodotti Lush che mi ha più soddisfatta finora, tra tutti quelli che ho provato!

  8. swlabrmakeup says:

    Non vado pazza per i prodotti Lush a dir la verità (chissà perché o.O), ma con questa review mi stai tentando tantissimo ** Voglio provarlooo ;D

    1. Alis says:

      Magari un campioncino riesci a fartelo dare, così vedi se ti piace davvero ^^

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *